Home \ Edificio residenziale già società anonima Zanelli e Mazzoli
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Edificio residenziale già società anonima Zanelli e Mazzoli

La società anonima Zanelli e Mazzoli, officina meccanica di impianti, trasformazioni, accessori e riparazioni per segherie, concerie e molini, occupava l'isolato tra corso Gabriele D'Annunzio (corso Francia) e le vie Morghen, Pietro Piffetti e Goffredo Casalis. L'industria fu gravemente danneggiata dal bombardamento del 20 novembre 1942. Oggi sull'area sorgono edifici ad uso residenziale e commerciale.


CORSO FRANCIA 62

Costruzione: 1892

Bombardamento: 20 Novembre 1942

  • Indice
  • Categorie
  • ufficio
  • bombardamento
  • negozio
  • abitazione
  • officina
  • industria
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    La società anonima L. Zanelli - A. Mazzoli, officina meccanica di impianti, trasformazioni, accessori e riparazioni per segherie legnami, concerie pellami e molini cereali, occupava l'area tra corso Gabriele D'Annunzio (corso Francia) e le vie Morghen, Pietro Piffetti e Goffredo Casalis. L'incursione aerea del 20 novembre 1942 colpì l'isolato con bombe incendiarie e dirompenti che causarono la demolizione parziale dell'officina e del muro perimetrale sul lato di via Morghen. La tettoia situata al civico 45/A di via Pietro Piffetti fu totalmente distrutta. Il basso fabbricato interno al cortile, ad uso officina ed uffici, risultò lievemente sinistrato. Gli edifici, di due piani fuori terra, adibiti ad abitazioni, situati agli angoli tra via Morghen e corso Francia, tra via Morghen e via Pietro Piffetti, tra via Pietro Piffetti e via Goffredo Casalis, furono gravemente sinistrati. Alla rilevazione del 7 giugno 1945, la riparazione dei danni era stata solo in parte messa in atto. Attualmente l'area è occupata da edifici di civile abitazione, uffici e negozi.

    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 711, cart. 14, fasc. 96, n. ord. 3
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà