Home \ Ex stabilimento CIR
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Ex stabilimento CIR

L'edificio, esempio di edilizia industriale di impianto tardo ottocentesco ampliato nel Novecento, era la sede delle Concerie Italiane Riunite.


Lat: 45.10053 Long: 7.66816
  • Indice
  • Categorie
  • fabbrica
  • Sede delle Concerie Italiane Riunite, l’edificio, tra il 1905 e il 1907, è al centro di opere di modifica e ampliamento firmate dall’architetto Pietro Fenoglio, seguite, tra il 1916 e il 1924, da ulteriori interventi che portano a sopraelevare la porzione adibita a ospitare i reparti di essiccatoio. Dopo la chiusura dell’azienda, avvenuta nel 1982, una parte del sito è abbattuta a vantaggio di attività commerciali, mentre la porzione affacciata sulla via Stradella è acquistata dal Comune di Torino, che nel 1997 avvia i lavori per il suo riutilizzo culminati, nel 2000, con l’inaugurazione della nuova sede della Circoscrizione V. Resta in disuso l’area prospiciente a via Cardinal Massaia, per la quale sono iniziati nel febbraio 2011 i lavori di demolizione che porteranno, con tutta probabilità, alla nascita di un parcheggio.

     

    Cronologia

    1896 Fondazione della Cir

    1905-1907 Lavori di ampliamento a opera di Pietro Fenoglio

    1916-1924 Ampliamento del reparto essiccatoi

    1982 Chiusura dello stabilimento

    1997 Il Comune di Torino avvia la ristrutturazione dell’area posta lungo via Stradella

    2000 Inaugurazione nuova sede della Circoscrizione V

    2011 Abbattimento dell’area posta su via Cardinal Massaia

     

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    FABBRICA CIR, CONCERIE ITALIANE RIUNITE, EX FILATOIO BOYER
    Via Stradella 168-192, Viale Madonna di Campagna, Via Cardinal Massaia, Via Breglio

    Edificio ad uso industriale ampliato e ristrutturato in fasi successive.
    Edificio di valore documentario ed ambientale, tipico esempio di edilizia industriale di impianto tardo ottocentesco ampliato nel Novecento.
    Nel 1871 impianto della Conceria Durio utilizzando il sito di un preesistente filatoio da seta (apertovi nel 1743), trasformata poi, nel 1905, in .CIR. (Concerie Italiane Riunite). Successive aggiunte di corpi edilizi tra il 1916 e il 1940. Di particolare interesse gli interventi di ristrutturazione interna a firma di P. Fenoglio (1905), l'ampliamento su Viale Madonna di Campagna a firma dell'ing. U. Rostagno (1916/a), la sopraelevazione e rifacimento del fabbricato essiccatoio su Piazza Bonghi a firma dell'ing. Rostagno (1915-24).

    I Durio e la loro azienda […], 1924.
    Tavola: 18/19

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fototeca

    Soggetti correlati

    • Ente Responsabile
    • ISMEL