Home \ Edificio di civile abitazione e negozi in via Garibaldi 1
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici monumentali

Edificio di civile abitazione e negozi in via Garibaldi 1

Portale disegnato secondo i canoni degli ordini architettonici è fra le rare testimonianze dell’architettura di tardo Cinquecento a Torino. I bombardamenti del 1942-1943, che recarono gravi danni all'isolato, risparmiarono il portale cinquecentesco.


VIA GIUSEPPE GARIBALDI 1/E

Costruzione: 1584 - 1599

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

Bombardamento: 13 Luglio 1943

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • cortile
  • palazzo
    • Tag
  • mostra moderna
  • bombardamenti
  • 1. Il portale interno

    Conservato nel cortile interno di un palazzo nell’antico isolato di Santa Caterina, all’inizio di via Garibaldi, il portale è uno delle rare testimonianze della Torino cinquecentesca riorganizzata nel nuovo disegno urbano dell’architetto e ingegnere ducale Ascanio Vitozzi (1539-1615), che dal 1584 interessò in primo luogo la ristrutturazione della zona nei pressi del Castello. Il portale, apparentemente semplice nella sua struttura trilitica di due semicolonne scanalate portanti un frammento di trabeazione, è un raffinato esercizio di composizione architettonica sulle tavole dell’ordine dorico della Regola delli cinque ordini d’architettura (1562) di Jacopo Barozzi da Vignola (1507-1573), manuale di straordinaria fortuna in cui venivano fissati i canoni del linguaggio classico dell’architettura.

    2. Bombardamenti

    L'isolato compreso tra le vie Pietro Micca, Barbaroux, Garibaldi, XX settembre e piazza Castello, fu interessato da bombardamenti nell'autunno del 1942 (bombe incendiarie) e nell'estate del 1943 (bombe dirompenti). Gli stabili più gravemente colpiti furono quelli al civico 139 di piazza Castello e ai civici 68 e 70 di via XX settembre. Gravi danni furono riportati anche ai civici 1, 3, 5 di via Garibaldi. Al civico 1, in particolare, all'angolo con piazza Castello, si riscontrarono 7 piani sinistrati (interno cortile), la distruzione parziale del tetto, il crollo parziale di muricci e plafoni oltre a infissi divelti e sveltamento del tetto. Nel giugno del 1944 il tetto era già stato ripristinato.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 45, cart. 1, fasc. 45
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Mostra Torino: storia di una città
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà