Home \ Chiesa della Visitazione
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici monumentali

Chiesa della Visitazione

La chiesa è stata progettata da Francesco Lanfranchi (1600?-1669?) architetto di corte. Sul portale della piccola facciata con frontone triangolare ed ornata di stucchi, la dedica celebrativa a San Francesco di Sales (1567-1622). La chiesa e l'annesso convento furono colpiti dai bombardamenti del 18 novembre e dell'8 dicembre 1942, che cagionarono lievi danni.

 


Lat: 45.06630714096585 Long: 7.679775953292847

Costruzione: 1638
vengono eretti una chiesa e un monastero

Rifacimento: 1657 - 1660
ricostruzione su progetto del Lanfranchi

Notizie dal: 1665
viene dedicata a San Francesco di Sales

Restauro: XVIII Sec. (1700-1799)
nel corso del 1700 lavori di restauro ed abbellimento

Restauro: 1860 - 1861
nuovi restauri per lesioni alla cupola

Rifacimento: 1918
rifacimento della Cappella del Sacro Cuore, in ringraziamento della pace

Bombardamento: 18 Novembre 1942

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

Restauro: 1976

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • santo
  • chiesa
    • Tag
  • bombardamenti
  • 1. Storia dell'edificio

    La chiesa è a croce greca con cappelle e vano d’ingresso a emiciclo; nella cupola l’affresco Paradiso del pittore Michele Antonio Milocco (1690-1772), nei pennacchi Virtù Teologali. Nelle nicchie delle pareti si trovano statue di santi in stucco e dipinti della vita di San Francesco di Sales. A destra la cappella con il primo altare in Italia dedicato, dal Beato Sebastiano Valfrè (1629-1710), al Sacro Cuore di Gesù. L’icona Il Sacro Cuore invocato da San Vincenzo de’ Paoli è del pittore Luigi Guglielmino (1885-1962). Una lapide ricorda l’ordinazione sacerdotale di San Leonardo Murialdo (1828-1900). Nella cappella di sinistra, dedicata a San Francesco di Sales: altare marmoreo disegnato dall’architetto Filippo Juvarra (1678-1736), pala Santa Giovanna di Chantal che riceve la regola da San Francesco del pittore Alessandro Trono (1697-1781). Dal Coro delle Monache, nucleo della prima costruzione, attraverso un finto tendaggio bronzeo, opera dello scultore Giovanni Tamone (1817-1885) si entra nella Cappella della Passione con l’altare disegnato dall’architetto Carlo Ceppi (1829-1921), il crocifisso ottocentesco e affreschi del pittore Luigi Morgari (1857-1935). L’altar maggiore in marmi policromi con colonne tortili in marmo nero è eseguito su disegno di Carlo Emanuele Lanfranchi (1632-1721). Sull’altare si trova la Visitazione del pittore Ignazio Nepote (1706-1780) e nella volta una gloria di angeli musicanti. Alla parete un pulpito a baldacchino in legno dorato. Ai lati della balaustra le statue degli arcangeli Gabriele e Raffaele.

    2. Bombardamenti

    Durante il secondo conflitto mondiale, la chiesa della Visitazione e le relative convivenze furono danneggiate da bombe dirompenti e incendiarie il 18 novembre e l'8 dicembre 1942. Si registrò il distacco parziale della copertura del tetto con crollo di plafoni e muricci. La rilevazione dell'1 agosto 1944 segnalava il ripristino parziale del tetto e lavori in corso nei locali sinistrati.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    CHIESA DELLA VISITAZIONE
    Via Arcivescovado, Via XX Settembre

    Chiesa.
    Edificio di valore storico-artistico, collocato sull'angolo smussato dell'isolato, in modo analogo ad altri importanti edifici della zona (il Palazzo Levaldigi, l'Arsenale, la Provvidenza).
    Realizzata su progetto di F. Lanfranchi (ultimata nel 1670), in adiacenza alla cappella provvisoria fatta erigere dalla fondatrice del convento e dall'Ordine delle Visitandine, S. Giovanna Francesca Fremiot di Chantal (probabilmente l'attuale cappella della Passione, a sinistra del presbiterio). La facciata è del 1765. L'adiacente Convento delle Visitandine è stato ristrutturato.

    L. TAMBURINI, s.d., p. 179; ISTITUTO DI ARCHITETTURA TECNICA, 1968, vol. I, p. 838; M. VILLINO DAVICO, 1981, pp. 17 sgg.
    Tavola: 49

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 128, cart. 3, fasc. 17, n. ord. 10
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Associazione Volarte
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà