Home \ Seminario metropolitano
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici monumentali

Seminario metropolitano

L'edificio, oggi sede della Biblioteca del Seminario Arcivescovile e della Facoltà di Teologia di Torino, fu realizzato nel corso della prima metà del Settecento.


Lat: 45.07296750553504 Long: 7.684056758880615

Costruzione: 1711

Bombardamento: 13 Luglio 1943

  • Indice
  • Categorie
  • università
  • biblioteca
  • bombardamento
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    L'edificio, oggi sede della Biblioteca del Seminario Arcivescovile e della Facoltà di Teologia di Torino, fu realizzato nel corso della prima metà del Settecento. Il complesso fu colpito dai bombardamenti del 13 luglio 1943 e riportò i seguenti danni: scoprimento parziale della copertura del tetto, crollo di plaffoni, lesioni alle tramezze e danni agli infissi. Nel giugno del 1944 risultava già totalmente ripristinata la copertura del tetto.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    SEMINARIO
    Via XX Settembre, Via IV Marzo, Via Cappel Verde

    Seminario metropolitano.
    Edificio di valore storico-artistico e ambientale, importante esempio di complesso religioso settecentesco.
    Ideato ed edificato da P. P. Cerutti (tale recente attribuzione documentata smentisce l'antica attribuzione allo Juvarra) dal 1711. La cappella fu completata e ampliata da C. Ceroni a fine Settecento. La manica di S-O, distrutta dai bombardamenti dell'ultima guerra, definiva l'ambiente dalla Via Cappel Verde in asse alla Chiesa dello Spirito Santo (vedi scheda 69); l'arretramento realizzato su Via Porta Palatina muta, con gravi conseguenze, tale assetto ambientale.

    L. TAMBURINI, s.d., p. 351; ISTITUTO DI ARCHITETTURA TECNICA, 1968, vol. II, p. 185.
    Tavola: 41

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 27, cart. 1, fasc. 27
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà