Home \ Officina Meccanica (per) Aeronautica
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Officina Meccanica (per) Aeronautica

Nell'autunno 1942 l'isolato compreso tra le via Bardonecchia e Borgone e i corsi Peschiera e Montecucco, che comprendeva bassi edifici di civile abitazione, il Dopolavoro Industria Meccanica Areonautica in corso Peschiera 268 e industrie, fu interessato dai bombardamenti. Attualmente ai numeri civici 48 bis B e 50 vi sono edifici di civile abitazioni di quattro e cinque piani fuori terra.


VIA BORGONE 48 bis/B

Costruzione: 1926

Bombardamento: 28 Novembre 1942

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

  • Indice
  • Categorie
  • industria
  • bombardamento
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    Nell'autunno 1942 l'isolato compreso tra le via Bardonecchia e Borgone e i corsi Peschiera e Montecucco, che comprendeva bassi edifici di civile abitazione, il Dopolavoro Industria Meccanica Areonautica in corso Peschiera 268 e industrie, fu interessato dai bombardamenti. L'area comprendeva anche numerose industrie: l'officina meccanica (in via Borgone 48), l'officina meccanica Cuscini e Molle (in via Bardonecchia 93/A), una fonderia di ghisa (in via Bardonecchia 95), officine meccaniche di utensileria, stampaggio e carrozzerie per automobili (in via Bardonecchia 101), un'industria di autostrasporti e una di lavorazione gomma (in via Bardonecchia 107), un'industria di lavorazione lamiere (in corso Peschiera 292), la Società Torinese Automartelleria S. Salvario e i trasporti Attilio Davico (in corso Peschiera 276 e 280/A) e la Fonderia Alluminio Officina Meccanica (in corso Peschiera 272). L'Officina Meccanica al servizio dell'Aeronautica in particolare fu colpita il 28 novembre 1942 da bomba incendiaria e l'8 dicembre dello stesso anno da bomba dirompente: una parte dei fabbricati fu distrutta, mentre altra parte riportò lesioni alle volte e ai muri, nonchè lo schiantamento degli infissi. Nel febbraio 1945 i locali erano parzialmente ripristinati. Attualmente ai numeri civici 48 bis B e 50 vi sono edifici di civile abitazioni di quattro e cinque piani fuori terra. L'area adibita a giardino rivolta verso via Frejus ha mantenuto la sua destinazione originaria.

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra inv. 1392 cart. 28 fasc. 20
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà