Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Scuola elementare Aurora

Sorta nel luogo in cui un tempo aveva sede un’officina Fiat, la scuola prende il nome dal Borgo.


VIA ANTONIO CECCHI 18

Costruzione: 1977 - 1980

Inaugurazione: 1982

Categorie

  • piscina | fabbrica | scuola

Costruita tra il 1977 al 1980 per soddisfare le esigenze della popolazione aumentata negli anni del boom demografico e per suddividere l’utenza che pesava sulla Parini, da cui essa dipende, viene chiamata con il nome del Borgo su cui sorge, a sua volta mediato dalla Cascina Aurora (nome che per altro originariamente aveva assunto per quasi quarant’anni anche la sede prima di essere intitolata a Parini nel 1911). L’edificio sorge dove un tempo si trovava un’officina FIAT abbattuta in due tempi, prima per la costruzione dell’Aurora poi per far spazio alla scuola materna ad essa collegata. La scuola viene inaugurata nel 1982 e assorbe parte dell’utenza prima dislocata nella sede distaccata della Parini, in via Schio. Lo spazio è condiviso con la scuola media Ettore Morelli, che ha in prestito d’uso alcune aule per i laboratori. Già in fase progettuale la scuola era stata pensata per ospitare, in modo versatile, un istituto comprensivo: la soluzione a 3 blocchi autonomi, 2 dei quali potevano accogliere una materna e una scuola dell’obbligo (che a sua volata poteva essere o elementare per 24 classi o media per 18) mostrano l’attenzione dell’Edilizia Scolastica ai bisogni di una popolazione scolastica in quegli anni in continuo aumento. Il terzo blocco, indipendente, ospita una palestra olimpionica di 45 m x 26 m x 7,5 m suddivisibile secondo necessità in 3 palestre scolastiche. La stessa struttura ospita la piscina Cecchi.

Ente Responsabile

  • Fondazione Tancredi di Barolo