Home \ Ex cinema Piemonte
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Ex cinema Piemonte

L'edificio in via Nizza 32 bis e 34 con risvolto in corso Sommeiller 2c, negli anni Quaranta del Novecento era adibito a civile abitazione, negozi e ospitava il cinema Piemonte. Fu colpito da bombe dirompente e incendiaria nel 1942 e 1944.


VIA NIZZA 34

Costruzione: 1912

Ampliamento: 1937

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

Bombardamento: 03 Gennaio 1944

Dismissione: 1979
Chiusura della sala cinematografica

  • Indice
  • Categorie
  • negozio
  • abitazione
  • bombardamento
  • cinema
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    L'edificio in via Nizza 32 bis e 34 con risvolto in corso Sommeiller 2c, negli anni Quaranta del Novecento era adibito a civile abitazione (2 appartamenti), negozi e ospitava il cinema Piemonte. fu colpito da bombe dirompente e incendiaria nel dicembre 1942 e nel gennaio 1944. Gli urti provocarono danni alla copertura del tetto, crollo di volte, muri divisori e muricci, schiantamento degli infissi e danni alle chiassilerie. Nell'ottobre del 1944 non risultava eseguita nessuna opera di rifacimento. Attualmente l'area è occupata da un edificio di civile abitazione realizzato nel 2013 e un'attività commerciale.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    EX CINEMA PIEMONTE
    Via Nizza 34

    Edificio per spettacoli cinematografici.
    Segnalazione di edificio per pubblici spettacoli di significato documentario e ambientale, esempio di cinematografo dei primi decenni del Novecento.
    Edificato nei primi decenni del Novecento, ampliato nel 1926 e ristrutturato nel 1937.

    AECT, Progetti Edilizi, ff. 445/1926; 357/1937.


    (2.2.1.)
    Tavola: 58

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 845 cart. 17 fasc. 22 n. ord. 5
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà