Home \ Caserma Cavour
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Caserma Cavour

L’edificio viene fabbricato nel 1932 per il Sesto Reggimento Genio Ferrovieri, come indicano le ruote alate sulla facciata principale. Venne interessata dai bombardamenti del secondo conflitto mondiale e lievemente danneggiata.

 


VIA MONGINEVRO 196/A

Costruzione: 1932

  • Indice
  • Categorie
  • edificio militare
  • bombardamento
  • caserma
    • Tag
  • bombardamenti
  • La caserma, dedicata a Camillo Benso conte di Cavour, è composta da una palazzina di comando, sei edifici per l’alloggiamento della truppa, per la sistemazione degli uffici e dei magazzini, sala convegno, cappella, palestra, mensa e dal comprensorio “De Sanctis” (officina e autorimessa) adiacente alla stessa. Durante il secondo conflitto mondiale, la caserma fu interessata dai bombardamenti in data imprecisata e lievemente danneggiata.

    Dal 2002 l’edificio è sede del Trentaduesimo reggimento genio guastatori, alle dipendenze della brigata alpina “Taurinense”. L'area della caserma ospita anche il CIE Brunelleschi, centro di identificazione e espulsione, gestito dalla Croce Rossa Italiana.

     

     

     

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    CASERMA CAVOUR
    Isolati tra Corso Brunelleschi, Via S. Maria Mazzarello, Via Fornaca con inserito tratto di Via Monginevro

    Caserme Genio Ferrovieri.
    Edificio di valore documentario ed ambientale. 
    Costruita negli anni Trenta del Novecento.

    G. MARZORATI, 1938.
    Tavola: 47

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • Archivio Storico della Città di Torino (ASCT), Piani regolatori, TD.64.7.8_5 (1935).
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 2092, cart. 43, fasc. 2, n.ord. 1
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • CeSRAMP - Centro Studi e Ricerche storiche sull’Architettura Militare in Piemonte
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà