Home \ Teatro Alfieri
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Teatro Alfieri

Inaugurato nel 1855, il Teatro Alfieri è uno dei maggiori teatri torinesi. Ospita diversi generi teatrali, dalla drammaturgia contemporanea ai classici, dall'operetta al musical. Importanti protagonisti del teatro italiano hanno calcato le scene del Teatro Alfieri, rendendolo così un punto di riferimento per la città. Il teatro fu colpito da due bombardamenti: il primo il 20 novembre 1942, il secondo l’8 dicembre dello stesso anno.


Lat: 45.06997302636829 Long: 7.677056193351746

Inaugurazione: 1855

Distruzione: 1858
incendio e ricostruzione

Distruzione: 1927
incendio e ricostruzione

Bombardamento: 20 Novembre 1942

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

Inaugurazione: 1949
riapertura

Rifacimento: 2001 - 2002

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • teatro
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    Il teatro fu colpito da due bombardamenti nel 1942, il primo il 20 novembre, il secondo l’8 dicembre. Entrambi i bombardamenti furono effettuati da aerei della RAF con bombe incendiarie e dirompenti di grosso e grossissimo calibro. A seguito dei bombardamenti il teatro fu completamente distrutto.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    TEATRO ALFIERI
    Piazza Solferino 2-4-6

    Edificio ad uso teatrale (facciata).
    Edificio di valore ambientale, significativo esempio di un eclettismo di ritorno, tipico delle opere architettoniche novecentesche di prestigio.
    L'edificio sorse su disegno di Barnaba Panizza nel 1855-57, subì un incendio nel '58 e venne riedificato dallo stesso Panizza entro l'anno. Venne distrutto in seguito più volte e ricostruito mantenendo — soprattutto esteriormente — le linee originali: nel 1877 dallo stesso Panizza venne ridisegnata la sala, nel 1901 da Pietro Fenoglio furono ampliati l'ingresso e i servizi, nel 1927 da Eugenio Mollino fu risistemata la sala e neI 1949, dopo la devastazione causata da un bombardamento, fu ricostruito quasi totalmente dagli ing. Panizza e Lorenzelli.

    L. TAMBURINI, 1966, pp. 155-157, 208-211; M. LEVA PlSTOI, 1969, p. 55.
    Tavola: 41

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv.268, cart.5, fasc. 8, n.ord. 6
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Urban Center Metropolitano
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà