Home \ Cascina La Magra
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Cascina La Magra

La Magra, cascina di origine settecentesca, è stata demolita negli anni Ottanta del XX secolo. Oggi rimangono solo alcuni elementi.


STRADA DI SETTIMO 144

Notizie dal: XVIII Sec. (1700-1799)

Trasformazione: 1820
proprietà dei Riva Cugiani

Demolizione: 1866
viene demolita parte della cascina

Demolizione: 1980 - 1990
viene demolita la cascina

  • Indice
  • Categorie
  • cascina
  • La cascina, di origine settecentesca, viene rilevata nella Carta Corografica dimostrativa, redatta dal Grossi nel 1791, come un corpo di fabbrica a corte chiusa e con impianto planimetrico a “C” e descritta come “cascina con Cappella delle reverende Monache Canonichesse di Santa Croce di Torino situata lungo la strada dell’Abbazia di Stura alla sinistra di detto fiume distante due miglia da Torino”. Nelle Mappe del Catasto Gatti del 1820 non si registrano variazioni planimetriche e la cascina risulta composta da case rustiche, dalla cappella, da prati, orti e campi, oltre ad un getto boscato con piante compreso la metà del Rivo Freddo (corso d’acqua naturale che attraversava quel territorio). In quel periodo la proprietà è attribuita ad una signora “Riva maritata al Notajo Paolo Cugiani”. Nel 1866, come si può leggere dalle Mappe del catasto Rabbini, si registra la demolizione di parte della manica sud della cascina. Nei primi anni ’80 dello scorso secolo, la cascina è stata demolita per dar spazio a nuove costruzioni. Oggi rimangono solo alcune tracce dell’antico edificio come la facciata barocca della Cappella delle Monache di Santa Croce e un tratto della muratura perimetrale della cascina.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    LA MAGRA
    Strada di Settimo, Strada del Cascinotto

    Cascina di pianura.
    Edificio rurale con cappella di valore documentario e ambientale, tipico esempio di cascina di pianura, ora inserita nel costruito e in uso residenziale.
    Costruzione presente nella seconda metà del Settecento, proprietà allora delle monache Canonichesse Lateranensi di S. Croce di Torino.

    A. GROSSI, 1790, p. 87; CARTA COROGRAFICA DIMOSTRATIVA […], 1791, 40, E. 1; PLAN GEOMÉTRIQUE […], 1805; [Catasto RABBINI], 1866; TOPOGRAFIA / DELLA CITTÀ […], 1840; E. GRIBAUDI ROSSI, 1970, p. 283.
    Tavola: 21

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • Amedeo Grossi, Carta Corografica dimostrativa del territorio della Città di Torino, 1791, Archivio Storico della Città di Torino, Collezione Simeom, SIM D1800
    • Plan Geomêtrique de la Commune de Turin, 1805, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Francese, Allegato A, Mappe del Catasto Francese, Circondario di Torino, Mandamento di Torino, Torino
    • Andrea Gatti, Catasto Gatti, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, CAG, sez. 6
    • Andrea Gatti, Colonnario Territoriale, 1820-1830, Archivio Storico della Città di Torino, COLL TER, sez.6, art. 117
    • Antonio Rabbini, Mappa originale del Comune di Torino, 1866, Archivio di Stato di Torino, Sezioni Riunite, Catasti, Catasto Rabbini, Circondario di Torino, Mappe, distribuzione dei fogli di mappa e linea territoriale, Torino
    • Istituto Geografico Militare, Carta IGM, 1974, Archivio Storico della Città di Torino, TD 64.7.11
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • MuseoTorino