Home \ Orto botanico e Istituto botanico
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Orto botanico e Istituto botanico

Istituito nel 1729, contestualmente alla cattedra di Botanica dell'Università di Torino, l'Orto Botanico conserva esemplari di flora locale, specie utili e curiosità esotiche. Ha riaperto al pubblico nel 1997, allestito come un vero e proprio museo vivente, senza che questo nuovo corso ne snaturasse la primaria funzione didattica.


Lat: 45.05479679760009 Long: 7.686588764190674

Inaugurazione: 1729

Bombardamento: 13 Luglio 1943

Bombardamento: 08 Novembre 1943

  • Indice
  • Categorie
  • istituto universitario
  • bombardamento
  • botanico
  • giardino
  • museo
    • Tag
  • bombardamenti
  • giardini
  • Bombardamenti

    L'edificio dell'Istituto Botanico, facente parte del complesso del castello del Valentino, fu bombardato in due occasioni, il 13 luglio e l'8 novembre 1943. L'edificio ospitava, oltre all'Istituto, 5 appartamenti di 15 stanze e il Museo Erbario dell'Università. Bombe dirompenti causarono il distacco della copertura del tetto e degli infissi, lesioni a soffitti e muricci, rotture dei vetri della serra in ferro e vetro. Nell'ottobre del 1944 si riscontrava già un parziale ripristino dei locali.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    ORTO BOTANICO DELL'UNIVERSITÀ
    Viale Mattioli 36

    Serre, laboratori, biblioteca, aule con giardini.
    Complesso di strutture edilizie e di verde di valore ambientale e documentario.
    L'Orto botanico, legato all'Università, è già funzionante nel 1729, presso il Castello del Valentino; costituito da aiuole racchiuse da alti muri. Ebbe notevole impulso sotto la direzione del Balbis, durante il governo francese.
    Negli anni '20 dell'Ottocento vi appare già un fabbricato aranciera-serra calda e museo-erbario, trasformato tra il 1835 e il '39 con una nuova serra: l'attuale fabbricato. Esso venne risistemato negli anni '70 ed accresciuto nel 1891-92 sotto la direzione di Giuseppe Gibelli. Nel 1840 fu annesso lo spazio a Nord, « il boschetto» disegnato sul gusto del giardino all'inglese.

    P. BARICCO, 1869, G. STRAFFORELLO, 1891, p. 111; G. MARZORATI, 1923; W. GIULIANO, 1983, pp. 83-92
    Tavola: 58

     

    Da Lodari, Renata (a cura di), Atlante dei giardini del Piemonte, Libreria Geografica, Novara 2017, p.170:

    Torino, Giardino dell'Orto botanico, viale Mattioli 25, urbano, orto botanico universitario. XVIII (1729); XIX (1831, 1892); XX (2007). Giardino botanico, Università degli Studi di Torino. D.L.gs 42/04, L.R. 22/83, pianeggiante. Loris Dadam: serra. Impianto unitario, giardino formale con specie botaniche rare, alberi di notevole dimensione (Ginkgo, Liriodendron, Tilia), collezioni botaniche, bacini formali, statuaria, serre fredde e calde.



    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 362, cart. 6, fasc. 1, n. ord. 4
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Urban Center Metropolitano
    • Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà