Home \ Lapide dedicata a Giovanni Prati
Scheda: Luogo - Tipo: Monumenti, lapidi e fontane

Lapide dedicata a Giovanni Prati

La lapide dedicata a Giovanni Prati (1814-1884) fu eseguita dalla Municipalità, nel 1899, sul fronte del palazzo in piazza Vittorio Veneto in cui il poeta e statista risedette a Torino.


PIAZZA VITTORIO VENETO 23

Inaugurazione: 1899

  • Indice
  • Categorie
  • risorgimento
  • lapide
    • Tag
  • mostra risorgimento
  • Iscrizione

    IN QUESTA CASA ABITÒ LUNGAMENTE/

    GIOVANNI PRATI/

    POETA DEL RISORGIMENTO ITALIANO/

    NATO A DASINDO IL 27 GENNAIO 1814/

    MORTO IL 9 MAGGIO 1884/

    A ROMA/

    NEL SOGNO LUMINOSO AVVERATO/

    DELL’ITALIA RIUNITA/

    SOTTO IL REGNO SABAUDO.

    La lapide dedicata a Giovanni Prati (1814–1884) fu posta sul fronte del palazzo in cui il poeta e statista risedette a Torino. Nel 1885 l’Amministrazione richiese l’esecuzione di una lapide per onorarne la memoria, ma la proposta venne inizialmente rinviata in ottemperanza alla legge che stabiliva che tale tributo a uomini illustri non potesse avvenire prima del decimo anniversario dalla loro morte. Il Consiglio Comunale approvò la realizzazione quattro anni dopo, affidando l’esecuzione della proposta progettuale all’Ufficio comunale dei Lavori pubblici. Le autorità municipali provvidero a contattare i famigliari, il direttore del quotidiano “La Gazzetta del Popolo” ed i conoscenti del Prati, tra cui lo scrittore e statista Vittorio Bersezio (1828-1900), al fine di appurare in quale edificio egli avesse per più tempo abitato durante il suo lungo soggiorno a Torino. Individuato il palazzo più significativo, su proposta del sindaco Severino Casana (1842-1912) fu redatta l’iscrizione, e la lapide potè essere realizzata e successivamente collocata sul fronte porticato dell’edificio.
    Sostenitore della monarchia Sabauda per l’unificazione nazionale, Prati venne nominato storiografo della casa reale da Vittorio Emanuele II nel 1848, ed ebbe modo di frequentare i principali salotti letterari del Risorgimento torinese; eletto Senatore del Regno d’Italia nel 1871, seguì il trasferimento della capitale a Roma.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • - Archivio Storico della Città di Torino, Affari Gabinetto del Sindaco, 1899, Monumenti e Lapidi, Cart. 162 Fasc. 17
    • - Archivio Storico della Città di Torino, Affari Lavori Pubblici, 1899, Lapidi, Cart. 221, Fasc. 14
    • - Archivio Storico della Città di Torino, Affari Lavori Pubblici, 1885, Lapidi, Cart. 147, Fasc. 2
    • - Archivio Storico della Città di Torino, Miscellanea Personaggi, Giovanni Prati, n. 640