Home \ Ex cinema Radium, poi cinema Artisti, poi Artisti Erotic Center
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Ex cinema Radium, poi cinema Artisti, poi Artisti Erotic Center

L'edificio situato in via Artisti 23, all'angolo con via Giulia di Barolo, ospitava il cinema Radium, poi diventato cinema Artisti. Durante il secondo conflitto mondiale, il bombardamento del 13 agosto 1943 danneggiò la sala. Ultimate le opere di rifacimento, l'attività riprese fino agli anni ottanta, che ne decretarono la definitiva chiusura.


VIA ARTISTI 23

Costruzione: 1900

Bombardamento: 13 Agosto 1943

Dismissione: 1983
post

  • Indice
  • Categorie
  • teatro
  • bombardamento
  • cinema
    • Tag
  • bombardamenti
  • 1. Cenni storici

    Il cinema Radium, già attivo ai tempi del cinema muto in via Artisti 23, alternava proiezioni cinematografiche a musica ed avanspettacolo. Vari proprietari si avvicendarono nella gestione della sala. La sua denominazione cambiò poi in cinema Artisti e, dopo anni gloriosa attività, il pubblico cominciò ad affluire meno numeroso. La programmazione cambiò orientandosi verso il cinema d'essai e, in ultimo, alle proiezioni a luci rosse. La definitiva chiusura avviene nei primi anni ottanta, dopo una rapina e la crisi del settore a Torino, conseguente all'incendio dello Statuto. L'edificio, dopo aver ospitato un supermercato, è ora occupato da un'associazione religiosa.

    2. Bombardamenti

    L'edificio in muratura, di uno e due piani fuori terra, che ospitava il cinema Radium venne colpito dall'incursione aerea su Torino del 13 agosto 1943. Soffio di bombe dirompenti cadute nelle vicinanze distrusse parzialmente il tetto e il soffitto, divelse e sfondò le chiassilerie, sinistrò il palcoscenico. Il muro tra via Giulia di Barolo e via Artisti risultò lesionato. Il censimento dei danni del 6 settembre 1944 segnalava concluse le opere di rifacimento.

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 436, cart. 8, fasc. 29, n. ord. 7
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà