Scheda: Oggetto - Tipo: Oggetto storico-artistico

Luci d’Artista Carmelo Giammello “Planetario”

L’opera Planetario di Carmelo Giammello fa parte delle Luci d’Artista dal 1998. L’artista ha individuato nel cielo stellato il tema per la sua opera luminosa.


VIA ROMA 314

Realizzazione: 1998
Nelle edizioni di Luci d’Artista 1998/1999 e 1999/2000 collocata in via Pietro Micca – via Cernaia

Data di riferimento: 2000
Nell’edizione di Luci d’Artista 2000/2001 e 2001/2002 è collocata in via Roma e anche sui tratti laterali di piazza C.L.N.-lato via XX Settembre, piazza C.L.N.-lato via Lagrange; da via Roma, tratto via Gramsci verso via XX Settembre e da via Roma, tratto via Gramsci verso via Carlo Alberto.

Data di riferimento: 2002
Nell’edizione di Luci d’Artista 2002/2003 collocata in via Pietro Micca – via Cernaia.

Data di riferimento: 2003
Nelle edizioni di Luci d’Artista 2003/2004 al 2006/2007 torna via Roma e anche sui tratti laterali di piazza C.L.N.-lato via XX Settembre, piazza C.L.N.-lato via Lagrange; da via Roma, tratto via Gramsci verso via XX Settembre e da via Roma, tratto via Gramsci verso via Carlo Alberto.

Data di riferimento: 2007
Nell’edizione di Luci d’Artista 2007/2008 collocata in via Pietro Micca – via Cernaia.

Data di riferimento: 2008
Nell’edizione 2008/2009 e 2009/2010 non è esposta

Data di riferimento: 2010
Nelle edizioni di Luci d’Artista 2010/2011, 2011/2012 è sempre in via Pietro Micca.

Data di riferimento: 2012
Nelle edizioni di Luci d’Artista 2012/2013, 2013/2014, 2014/2015, 2015/2016 è in via Roma

Data di riferimento: 2016
Nell’edizione di Luci d’Artista 2016/2017 non è esposta

Data di riferimento: 2017
Nell’edizione di Luci d’Artista 2017/2018 è in via Roma

Data di riferimento: 2018
Nell’edizione di Luci d’Artista 2018/2019 non è esposta

Data di riferimento: 2019
Nell’edizione 2019/2020 un nuovo allestimento dell'opera è in via Roma

Data di riferimento: 2020
Nell’edizione 2020/2021 in via Roma

01. Planetario

Il Planetario è realizzato con sfere di varie dimensioni e proporzioni, illuminate dall’interno; le costellazioni sono rese leggibili dai sottili tubi che collegano gli elementi; un pulviscolo di piccole luci bianche puntiformi le circonda creando una “Via Lattea“ metropolitana. Planetario è stato commissionato nella prima edizione di Luci d’Artista (1998/1999), per le vie Pietro Micca e Cernaia. La scelta di questa collocazione, alternata periodicamente alla centrale via Roma, è dettata dallo sviluppo progressivo dell’installazione che, con le sue strutture, si presta per essere montata in vie lunghe e dritte che permettano di coglierne il senso prospettico e di continuità.

Nel 2019/2020 l'opera viene riallestita in via Roma con innovazioni tecnologiche e strutturali, contemporaneamente la Città ha dato in prestito 16 costellazioni dell'opera originaria alla città di L'Avana, allestite in Calle del Casco Històrico Galiano in occasione dei 500 anni dalla fondazione della Capitale di Cuba.

02. Luci d’Artista

Luci d’Artista è una manifestazione nata nel 1998 da un progetto di illuminazione pubblica realizzata in occasione delle festività natalizie. In seguito al successo ottenuto nel 1997 con il Presepe di Emanuele Luzzati in piazza Carlo Felice, la Città di Torino ha esteso l’iniziativa a diverse piazze e vie del capoluogo subalpino. Sono stati invitati artisti italiani e stranieri per interpretare le illuminazioni non come semplici decorazioni ma come opere d'arte, dando vita a un grande evento culturale, a un percorso espositivo d’arte contemporanea che, con l’impiego della luce, coniuga arte a paesaggio urbano e favorisce l’incontro tra il grande pubblico e la creazione artistica. La rassegna è in continua evoluzione: aumenta il numero degli artisti coinvolti, cambiano le vie e le piazze che ospitano le opere per creare uno spettacolo sempre nuovo e diverso di illuminazione scenografica della città.

 

03. Carmelo Giammello (Bronte, Catania, 1954)

“ È nato nel 1954 a Bronte (CT), vive e lavora a Torino. Diplomato in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Torino, è stato responsabile degli allestimenti scenici del Teatro Stabile. In oltre trent’anni di carriera, ha al suo attivo oltre cento spettacoli teatrali costruiti in collaborazione con personalità come Enrico Job, Gabriele Lavia, Emanuele Luzzati, Mario Missiroli, Luca Ronconi. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come migliore scenografo, tra cui il premio UBU per la stagione teatrale 2003/2004 e il premio Gassman nel 2004 e 2006”(1).

Temi correlati

Ente Responsabile

  • MuseoTorino 2019