Home \ Villa Murialdo
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Villa Murialdo

Già chiamata "il Rubino" dal nome degli antichi proprietari, fu acquistata dal padre di san Leonardo Murialdo. La scritta "Villa Murialdo" appariva sui pilastri del cancello. La famiglia vi trascorreva la villeggiatura estiva e le convalescenze.


STRADA S. ANNA 79

Notizie dal: 1824

Variazione: XX Sec. (1900-1999)

  • Indice
  • Categorie
  • villa
  • santo
  • cappella
  • abitazione
  • All'acquisto è un terreno con casa civile e rustico, vigna, campo, prato, giardino e bosco; a nord  vi è  una torretta sopraelevata. Al piano terreno si trovano la sala da pranzo, la cucina, una sala per la musica e la cappella dove san Leonardo Murialdo (1828-1900) celebra la messa. Al primo piano le stanze da letto, tra cui quella del Santo (seconda finestra a sinistra sulla facciata). Oltre che per villeggiatura e convalescenze della famiglia, la villa viene utilizzata quale meta di passeggiate da parte dei ragazzi dell'Oratorio San Luigi, del Collegio degli Artigianelli e anche dei giovani di san Giovanni Bosco (1815-1888). Oggi la villa, rientrata rispetto alla strada e immersa in un ampio giardino, ospita quattro abitazioni. La facciata est è ornata da fregi in stile liberty, successivi ai tempi del Santo. Sui pilastri del cancello la scritta è variata in "Il Ceresole".

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    VILLA MURIALDO
    Strada Vicinale di S. Anna 79

    Villa - vigna.
    Edificio di valore ambientale e documentario in quanto presenta elementi formali e giardino disposti sul poggio dominante la strada di S. Anna. Partecipa alla qualificazione ambientale della Valle S. Martino.
    Nella Carta topografica della Caccia è delineata come corpo ad «L» con edifici a nord: e nelle iconografie successive conserva l'impianto precedente. Sono ricordati gli arredi mobili e i sovraporta della fine del Settecento. La torretta ottocentesca segna il legame tra fabbrica civile ed il rustico.

    Carta topografica della Caccia [1762]; A. GROSSI, 1791, p. 153; PLAN GEOMÉTRIQUE [...], 1805; [Catasto RABBINI], 1866, fol. XXIV; E. GRIBAUDI ROSSI, 1975, pp. 290-292.
    Tavola: 60

    • Bibliografia
    • Ente Responsabile
    • Associazione Volarte