Home \ Museo di Antichità − Parco Archeologico della Porta Palatina
Scheda: Tema - Tipo: Architettura e urbanistica

Museo di Antichità − Parco Archeologico della Porta Palatina

Aimaro Isola, Parco Archeologico, 2006. Fotografia di Bruna Biamino, 2010. © MuseoTorino

Il Museo di Antichità e il Parco Archeologico rappresentano due interventi che hanno cambiato il volto di una zona a lungo rimasta in attesa di utilizzo e al centro di continui dibattiti, nel cuore della Torino romana.


VIA VENTI SETTEMBRE 86

Inizio: 1982 - 1994
Museo di Antichità

Periodo di riferimento: 2003 - 2006
Parco Archeologico

  • Indice
  • Categorie
  • parco
  • museo
    • Tag
  • mostra contemporanea
  • Il Museo di Antichità e il parco archeologico della Porta Palatina sono tra gli interventi principali di una strategia promossa fin dagli anni Ottanta del secolo scorso dal Ministero per i beni Culturali in sinergia con l’amministrazione cittadina per la riqualificazione dell’area romana da inserire in un nuovo sistema museale che dalla Porta Palatina e dal teatro romano, collegato al Museo di Antichità, si snoda fino al Museo Egizio, attraverso i musei statali del Polo Reale, il Museo Diocesano allestito nella chiesa inferiore del Duomo e il Museo Civico d'Arte Antica - Palazzo Madama.

    Il museo archeologico, progettato dagli architetti torinesi Gabetti & Isola, Guido Drocco ed Enrico Moncalvo, ha un percorso di visita che collega i sotterranei della Manica Nuova di Palazzo Reale alle sue serre, in corso Regina Margherita, mediante un padiglione ipogeo di cui emergono solamente i lucernari nei Giardini Reali inferiori annessi al museo.

    Dodici anni dopo l’inaugurazione del padiglione dedicato alle scoperte piemontesi, si concludono i lavori del vicino Parco archeologico della Porta Palatina, realizzato su un’area a lungo dimenticata. Il progetto di Giovanni Durbiano, Luca Reinerio, Aimaro Isola ed Egidio Cupolillo disegna un parco che sfrutta il dislivello di circa 4 m tra piazza San Giovanni e corso Regina Margherita, creando un unico piano che da piazza S. Giovanni si estende oltre le mura romane innalzandosi a formare un bastione ispirato alle fortificazioni seicentesche, demolite a partire dall’epoca napoleonica. Gli spazi ricavati al di sotto del nuovo "bastione" sono stati progettati per la rimessa delle strutture mobili del mercato di Porta Palazzo.

    • Bibliografia
    • Ente Responsabile
    • Mostra Torino: storia di una città