Home \ Villa Porta, già Vigna Dupanloup
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Villa Porta, già Vigna Dupanloup

CORSO CHIERI 145
  • Categorie
  • villa
  • Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    VILLA PORTA, GIÀ VIGNA DUPANLOUP
    Corso Chieri 145

    Vigna.
    Segnalazione di edificio con elementi di significato culturale e documentario. La vigna concorre alla definizione ambientale del versante solivo di Reaglie.
    Nel 1777 la visita di monsignor Rorà alla cappella della vigna indica come proprietaria la signora Elisabetta Dupanloup. Il Grossi la cita come del figlio Ferdinando e la descrive « Vigna con ampio casino e Cappella». Rimane ai Dupanloup fino al 1831 e da Felice Settime nel 1939 è ceduta Francesetti di Mezzenile quindi nel 1881 ai Porta che la tennero sino al 1974. La vigna, con pianta a «C», pare riconnettersi alla tipologia delle vigne collinari settecentesche poi ampliate e trasformate. La cappella, dedicata a S. Giovanni Battista, è stata demolita.

    A. GROSSI. 1791, p. 71; PLANGEOMÉTRIQUE [...]. 1805; [Catasto RABBINI], 1866, fol. XXIV; E. GRIBAUDI ROSSI, 1975, pp. 190-191.
    Tavola: 52

    • Bibliografia