Home \ Decumano massimo
Scheda: Luogo - Tipo: Vie e Piazze

Decumano massimo

Via Garibaldi ricalca ancora oggi fedelmente il tracciato del decumano massimo, la principale via orientata in senso est-ovest della città romana.


Lat: 45.07289 Long: 7.68023

Realizzazione: I Sec. (0-99)

  • Indice
  • Categorie
  • via
    • Tag
  • mosta antica
  • Nelle città romane i decumani sono le vie che percorrono l’impianto urbano da est a ovest. Il decumano maggiore (decumanus maximus) di solito passa per il centro della città, per lo più costeggia l’area del foro e unisce due porte principali. Nel caso di Augusta Taurinorum il decumano maggiore va dalla porta che poi si chiamerà Segusina e quella che verrà inglobata nel castello degli Acaia prima e in Palazzo Madama poi.

    La strada aveva una carreggiata molto ampia, circa dieci metri e mezzo (poco più di 35 piedi romani), ed era dotata di due marciapiedi laterali di circa un metro e venti (4 piedi romani) delimitati da un filare regolare di blocchi squadrati in pietra. La sede stradale era pavimentata con grossi basoli di pietra poligonali, disposti regolarmente, sotto i quali correvano i condotti della rete fognaria.

    Il decumano massimo è stato portato alla luce a più riprese e disegnato da Alfredo d’Andrade (Lisbona 26 agosto 1839 - Genova, 30 novembre 1915), architetto e direttore dell’Ufficio dell’Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti del Piemonte e della Liguria e, soprattutto, dall’architetto Carlo Promis Torino (1808 - 1873).

    • Bibliografia
    • Ente Responsabile
    • Soprintendenza per i Beni Archeologici del Piemonte e del Museo Antichità Egizie