Home \ Nuovo Centro direzionale Lavazza in area ex-Enel
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Nuovo Centro direzionale Lavazza in area ex-Enel

Il nuovo Centro direzionale Lavazza, la Nuvola Lavazza, sorge sull’area dell’ex-centrale Enel vicino a largo Brescia, con l’obiettivo di migliorare e rendere più efficienti gli uffici direzionali della ditta e di recuperare un importante manufatto industriale, significativo esempio di centrale elettrica inserita in ambiente urbano.


Lat: 45.080510308594846 Long: 7.691652774810791

Progetto: 2010

Realizzazione: 2013 - 2015
Scavi archeologici

Realizzazione: 2014

Realizzazione: 2017
Conclusione dei lavori

  • Indice
  • Categorie
  • università
  • liberty
  • fabbrica
  • Il nuovo Centro direzionale Lavazza sorge nel grande isolato esistente tra via Bologna, largo Brescia, corso Palermo e via Ancona, nel punto in cui era situata una centrale elettrica dell’Enel risalente ai primi anni del Novecento. Il sito che ospita la nuova sede della Lavazza è stato individuato in un quadrante che permette una facile accessibilità al polo industriale di strada Settimo, composto sia dallo stabilimento produttivo che dal Lavazza Innovation Center, nel quale si concentrano tutte le attività legate alla ricerca e all’innovazione.
    Firmato dall’architetto milanese Cino Zucchi, il progetto si configura come un’importante riqualificazione urbanistica ed edilizia, perfettamente integrata con il territorio e nel pieno rispetto dei canoni di sostenibilità energetica e ambientale. Esso prevede una sorta di “Nuvola Verde”, che raccordi tra loro i vari fronti e gli edifici industriali conservati e convertiti a nuove funzioni, offrendo al tempo stesso un nuovo spazio aperto ai cittadini.
    L’intervento si sviluppa su quasi 30.000 mq di s.l.p. con varie destinazioni: circa il 60% di uffici direzionali, oltre a spazi residenziali, commerciali e a servizi pubblici e privati. Il cuore del progetto è una nuova grande piazza alberata al centro dell’isolato sull’asse di via Parma, che farà dialogare il grande edificio della ex-centrale Enel con la nuova sede Lavazza. L’edificio per uffici, che comunica con la città attraverso un vasto atrio vetrato aperto su via Bologna e sulla nuova piazza verde, prende la forma di una grande nuvola. L’edificio si inserisce nel contesto urbano con grande attenzione: le altezze dei corpi edilizi e la qualità delle facciate sono stati infatti attentamente concepiti in rapporto all’orientamento solare, alla qualità degli spazi aperti e agli edifici del contesto.

    Nel 2011, in occasione dei lavori di scavo delle fondamenta del nuovo Centro direzionale Lavazza, sono venuti alla luce una basilica paleocristiana, dedicata a San Secondo, e un importante complesso funerario sviluppatosi su una necropoli con mausolei tardo-antichi. La Soprintendenza ha condotto gli scavi archeologici (2013 – 2015) che hanno comportato una modifica architettonica del progetto per garantire la conservazione dei reperti e per consentire, ad opera ultimata, la pubblica fruizione.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    CENTRALE ELETTRICA ENEL, EX S.E.A.I.
    Via Bologna 22, Via Pisa

    Edificio industriale per la produzione di elettricità e palazzina uffici.
    Manufatto industriale di valore documentario tipico e significativo esempio di centrale elettrica inserita in ambiente urbano del primo decennio del Novecento e ampliato successivamente.
    Su lotto in parte occupato da preesistenti impianti della fine Ottocento realizzazione in fasi successive (preminentemente nel primo decennio del secolo) di Centrale Elettrica. Ampliamenti negli anni successivi.

    AA.VV.,Supermappa […], 1981. pp. 33-40.
    Tavola: 33/34

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • Associazione L&M – I Luoghi e la Memoria