Home \ Villa Fubini, già del Vescovo
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Villa Fubini, già del Vescovo

Lat: 45.07457596696813 Long: 7.736912369728088

Costruzione: XVIII Sec. (1700-1799)

Bombardamento: 13 Luglio 1943

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • villa
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    La villa, con due appartamenti con un totale di 14 stanze, fu colpita dal bombardamento del 13 luglio 1943; il soffio di una bomba dirompente causò il distacco della copertura del tetto, lesioni e crollo di muri e volte e lo schiantamento degli infissi. Nel settembre 1945 era già stato avviato un parziale ripristino dei locali.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    VILLA FUBINI, GIÀ DEL VESCOVO
    Strada Consortile del Bellardo, int. 18.V/45

    Villa e vigna con cappella.
    Edificio di valore ambientale conserva volume, impianto della villa settecentesca, «artefatto piano» e vialoni che adducono ad un belvedere di carpini dominante l'ansa del Po.
    La villa è già ricordata a metà del Settecento, nel 1763 l'acquista l'abate Caisotti di Chiurano che nel 1772 la vende a monsignor di Rorà. Un inventano in tale data ne descrive l'arredo. Il Grossi la riporta come «villa e vigna con cappella […] tenuta da il Cardinale Vittorio Maria Costa di Arignano […] il palazzo è moderno e situato in una pianura artefatta […] a due parti della medesima vi sono parterra […] e due spaziosi stradoni tendenti per un pinacolo». A metà dell'Ottocento l'edificio fu in parte ristrutturato e furono aggiunti i rustici a levante.

    AST. Insinuazione di Torino, 1772, c. 1669. 1°, 4°; A. GROSSI, 1791. p. 105; PLAN GEOMÉTRIQUE […], 1805; [Catasto RABBINI], 1866, fol. XIX; E. GRIBAUDI ROSSI, 1975, pp. 148-150.
    Tavola: 43/44

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 2487, cart. 50, fasc. 1
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà