Home \ Villa Righini, già Vigna Nuz
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Villa Righini, già Vigna Nuz

STRADA VAL S. MARTINO 48

Costruzione: XVIII Sec. (1700-1799)

Bombardamento: 13 Luglio 1943

  • Indice
  • Categorie
  • istituto religioso
  • bombardamento
  • villa
    • Tag
  • bombardamenti
  • Bombardamenti

    La villa, che durante la Seconda Guerra Mondiale ospitava le carmelitane del Sacro Cuore, riportò danni alla copertura del tetto, a soffitti e muri divisori, schiantamento degli infissi ad un piano per bomba incendiaria e soffio di bomba dirompente. Il rilevamento del dicembre 1945 registrava già un parziale ripristino.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    VILLA RIGHINI, GIÀ VIGNA NUZ
    Strada Comunale Val S. Martino 48

    Vigna.
    Segnalazione di edificio con elementi di significato culturale e documentario, fa parte del sistema di vigne della zona pedecollinare di Val S. Martino.
    Nella Carta topografica della Caccia, l'edificio si presenta con impianto a «C» a maniche diseguali, con accesso ad Ovest rispetto alla Strada di Val S. Martino e ampio giardino a Nord. Il Grossi, descrivendo la vigna con fabbrica civile, ricorda il vasto giardino e la denomina «Nuitz». La mappa del Catasto francese conferma l'impianto antico completandolo nella manica ad Est. La vigna risulta inalterata per tutto l'Ottocento. Nel 1940 si rileva la costruzione di nuovi edifici che occupano lo spazio del giardino. Attualmente appartiene alle Suore Carmelitane di Clausura di S. Teresa.

    Carta topografica della Caccia [1762]; A. GROSSI, 1791, p. 123; PLAN GEOMÉTRIQUE [...], 1805; [Catasto RABBINI], 1866, fol. XXIII; E. GRIBAUDI ROSSI, 1975, pp. 283-284.
    Tavola: 51

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASCT, Fondo danni di guerra, inv. 2531 cart. 52 fasc. 1 n. ord. 1
    • Ente Responsabile
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà