Home \ Società Anonima Italiana Ausiliaria di strade Ferrate, tramways e lavori pubblici (SAIA)
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Società Anonima Italiana Ausiliaria di strade Ferrate, tramways e lavori pubblici (SAIA)

La SAIA, specializzata nella produzione di materiali per strade ferrate, è fondata nel 1882 e concentra la produzione nello stabilimento ospitato presso il vecchio opificio Galoppo, nella Barriera di Lanzo.


CORSO MORTARA 4

Notizie dal: 1882

Variazione: 1889

  • Indice
  • Categorie
  • fabbrica
  • La Società Anonima Italiana Ausiliaria di strade Ferrate, tramways e lavori pubblici (SAIA), nasce ufficialmente nel gennaio 1882 con ratifica del Decreto Reale. È specializzata nella “fabbricazione, l’acquisto, la vendita […] la manutenzione e la riparazione di ogni sorta di materiale fisso o mobile per tramvie e strade ferrate” ¹. La sede è a Milano, ma la produzione è concentrata nella Barriera di Lanzo nel vecchio edificio dell’opificio Galoppo, poi rilevato dalla Savigliano, per sfruttare la forza motrice prodotta dal canale Ceronda. È un’azienda a capitale prevalentemente belga, come testimoniato dal presidente, il conte Movel de Tangry, ed è una delle protagoniste della nascita a Torino dell'industria meccanica privata  innescata dalla domanda di servizi di trasporto pubblico. La manodopera è prevalentemente maschile, mentre nello stesso periodo sul territorio si delineava un’occupazione nelle manifatture tessili prevalentemente femminile. La dirigenza è vicina agli ambienti progressisti del partito liberale. Il marchese Compans de Brichentau, parlamentare del Regno, è azionista e consigliere d’Amministrazione, mentre alti dirigenti dello stabilimento sono gli animatori del Circolo Barriera Lanzo.

    La produzione della SAIA si afferma presto sul panorama nazionale. L'industria lavora con le più importanti aziende del settore come l’Alta Italia, le Strade Ferrate Romane, quelle Meridionali e con le Officine Savigliano che, dopo quattro anni di collaborazione, rileveranno la Società nel 1889.

     

    Note

    1. ASTo, Sez Riunite, Archivio Compans de Brichentau.

     

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • ASTo, Sez. Riunite, Asnos, Fondo Materiale fotografico 358
    • Ente Responsabile
    • Cds
    • Comitato Parco Dora