Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Liceo Classico Europeo e Liceo Scientifico Internazionale Umberto I

Nessuna Immagine

Liceo di recente istituzione, affonda le proprie radici nell’istruzione religiosa torinese del Settecento e costituisce oggi, insieme al ciclo primario e alla secondaria di primo grado, un polo formativo completo in pieno centro cittadino.

 


VIA BLIGNY 1 bis

Inaugurazione: 1993

Translate

Categorie

  • scuola

Nato come Liceo Classico nel 1993 (impostato a uno sviluppo equilibrato delle tre aree umanistica, linguistica e scientifica) e come Liceo Scientifico Internazionale nel 2007, l’“Umberto I” (1844-1900, Re d’Italia dal 1878 al 1900) partecipa oggi alla “Rete degli archivi della scuola”, promossa dall’Archivio Storico della Resistenza. L’istituzione dei corsi superiori si riallaccia alla tradizione storica del Convitto, quando si tenevano corsi d’istruzione classica post-elementare. Fin dal 1848, quando Carlo Alberto istituisce il Convitto Nazionale, esso è ospitato dall’edificio la cui storia comincia nel lontano 1718, anno in cui i Carmelitani acquistano dal Demanio Regio un lotto tra le vie Dora Grossa, Del Deposito, Del Carmine e Delle Scuole, su cui vogliono costruire il loro convento. L’architetto a cui è affidato il progetto è Gian Giacomo Plantery. Nel 1783 i Gesuiti, ospiti del convento carmelitano, trasformano la scuola in collegio, assorbendo il Collegio dei Nobili che lascia la sede di via Accademia delle Scienze. La nascita giuridica dei convitti nazionali si ha solo nel 1859, con la legge Casati. Un riordinamento dei convitti dello Stato è testimoniato nel 1923, in occasione della riforma Gentile. Bombe incendiarie vengono scagliate contro l’edificio durante un’incursione aerea del 1943, a seguito della quale la costruzione deve essere ristrutturata.

 

Sitografia

Temi correlati

Luoghi correlati

Itinerari correlati

Ente Responsabile

  • Fondazione Tancredi di Barolo