Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Villa Sambuy, già Engelfred


CORSO MONCALIERI 167

Costruzione: XVIII Sec. (1700-1799)

Trasformazione: XIX Sec. (1800-1899) - XX Sec. (1900-1999)

Categorie

  • giardino | bombardamento | villa

Tag

  • bombardamenti | giardini

Note

Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
VILLA SAMBUY, GIÀ ENGELFRED
Corso Moncalieri 167

Villa.
L'edificio, di valore storico-artistico ed ambientale, costituisce esempio significativo di residenza pedecollinare di villeggiatura. Fondamentale il ruolo svolto dal parco nel qualificare l'affaccio verso il Po, in posizione dominante, su Corso Moncalieri.
Nella Carta topografica della Caccia [1762] l'edificio è indicato come «V. Boglione» e presenta impianto articolato e dissimmetrico. L'edificio era già preesistente al 1712, anno in cui il marchese Pietro Eugenio d'Angennes vende la vigna a Battista Lojia orefice. Il Grossi la ricorda appunto come «Il Loja villa, e vigna [...] evvi un palazzo moderno edificato circa nel 1780». La mappa napoleonica indica un edificio complesso, a blocco aggregato lineamente con una manica rustica disposta perpendicolarmente, e tale assetto pare conservarli all'epoca del rilevamento Rabbini (1866). L'assetto attuale, documentato sul rilevamento 1940 presenta una sostanziale riplasmazione tra Otto e Novecento.

Carta topografica della Caccia [1762]; A. GROSSI, 1791, p. 97; PLAN GEOMÉTRIQUE [...], 1805; [Catasto RABBINI], 1866, fol. XXVII; E. GRIBAUDI ROSSI 1975, pp. 539-540.
Tavola: 66