Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Antica Fabbrica Passamanerie Massia Vittorio

Quasi nulla è cambiato da quando, nel 1880, in questo edificio sito nel cuore del “quadrilatero romano”, la Massia Antica Fabbrica Passamanerie trova la sua seconda – e definitiva – sede.
Il negozio è un integro esempio di bottega artigiana d’epoca, un ambiente unico ed originale ricco di galloni, frange, fiocchi, abbracci, e cordoni per tendaggi, campionature di broccati e tessuti di pregio.


VIA GIUSEPPE BARBAROUX 20/F

Notizie dal: 1686

Realizzazione: 1880

Categorie

  • bottega | negozio

Tag

  • locali storici

1. Cenni storici

I Massia sono una dinastia di “spinettai” – già citati nell’edizione del 1843 della Guida di Torino Marzorati – che producevano alamari e galloni per le giubbe dell’esercito piemontese. All’epoca la ditta di passamanerie può già infatti vantare una storia secolare; negli Statuti dell’Università dei Mastri Fabbricatori di stoffe di Torino del 1686 risulta esserci un Massia Giovanni Battista tessitore, probabilmente con sede nell'Albergo di Virtù, istituzione benefica prima in via delle Rosine, poi in piazza Carlina.

La ditta ha continuato ininterrottamente la sua attività e oggi, grazie all’esperienza tramandata da padre in figlio e a macchinari originali d’epoca, può fornire restauri e rifacimenti tessili secondo antiche regole di lavorazione ormai scomparse da tempo.

Lunghissimo l’elenco di musei, teatri, castelli e palazzi forniti dalla passamaneria con tessuti ricostruiti sugli originali. Oltre alla realizzazione dei particolari di divise militari per gruppi storici, corpi militari e per guardie reali di numerose case regnanti, la ditta restaura e riproduce passamanerie per costumi d’epoca, teatrali e per il cinema, così come per gli interni delle carrozze da parata e auto d’epoca che vengono realizzati su disegni rigorosamente originali.

2. Arredi

Una severa devanture in ferro e ghisa su zoccolo in marmo e insegna a grandi lettere introduce nel locale del negozio, con volta a padiglione intonacato e con lunette angolari. L’arredo del 1880 in palissandro è austero e costituito da un bancone angolare, apposite cassettiere con il piano superiore inclinato per l'esposizione e l'analisi della merce e alte scaffalature in palissandro rifinite in ottone per conservare e, nello stesso tempo, esporre la merce: nel corpo inferiore i vani con cassetti sono chiusi da ante piene, nel corpo superiore lunghi scaffali a giorno o protetti da ante a vetro.

La luce diffusa dal lampadario a bracci dà risalto agli scaffali in cui sono riposti una varietà di articoli e di forme di passamanerie prodotte nell’ arco di tre secoli.
Dal 2001 molti strumenti e attrezzi sono esposti al Museo della Passamaneria Massia nella sede produttiva di Pianezza, creato per illustrare le tipologie di lavorazione in uso presso la ditta. Oltre ai telai dalla fine del Settecento alla metà del Novecento, il museo conserva un interessante patrimonio di campioni di stoffe e passamanerie antiche ed una interessante biblioteca di testi tecnici antichi.

Fonti Archivistiche

  • Legge Regionale 4 marzo 1995/n. 34 “Tutela e valorizzazione dei locali storici” catalogo Guarini Piemonte, presso CSI Piemonte, G.Auneddu, M.L.Laureati,A.Costantino, scheda n. R0082079 e Allegati

Fototeca

Soggetti correlati

Itinerari correlati

Ente Responsabile

  • ISMEL
  • MuseoTorino, 2017