Home \ Conservatorio Giuseppe Verdi
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici

Conservatorio Giuseppe Verdi

L'edificio che ospita il Conservatorio “Giuseppe Verdi” venne edificato nel 1928, su progetto dell’architetto Giovanni Ricci, su uno spazio precedentemente occupato dal mercato del pesce.


Lat: 45.06306 Long: 7.684426

Costruzione: 1928

Restauro: 1986

  • Indice
  • Categorie
  • auditorium
  • teatro
  • La costruzione dell'edificio che ospita il Conservatorio Statale di Musica di Torino risale al 1928 e fu progettato dall’architetto Giovanni Ricci del Civico Servizio dei Lavori Pubblici di Torino. Il Conservatorio fu ufficialmente inaugurato il 13 febbraio 1936 quando il preesistente Istituto Musicale "Giuseppe Verdi", nato nel 1866 come "Istituto Musicale della Città di Torino", passò allo Stato nei primi anni del XX secolo diventando Regio Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Torino.

    Il Salone dei Concerti è ritenuto il migliore ambiente acustico della città ed è munito di un organo da concerto inaugurato il 10 maggio 1933. Dopo un incendio nel 1984, il salone è stato chiuso e l’edificio è stato oggetto di grandi ristrutturazioni nel 1986. Il Salone del Conservatorio è stato, tra l'altro, sede dei concerti pubblici dell’Orchestra Sinfonica e del Coro di Torino della RAI dal 1945 al 1952, quando fu costruito l’Auditorium RAI.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    CONSERVATORIO GIUSEPPE VERDI
    Piazza Bodoni, Via Mazzini 11

    Liceo musicale e sala concerti.
    Edificio di valore documentario, di tarda impostazione eclettico-neomanierista, d'interesse tipologico; rilevante anche nella decorazione interna (atrio, foyers, salone).
    Realizzato nel 1928 su progetto dell'Ufficio Tecnico Comunale (ingegnere capo Giorgio Scanagatta, con presenza determinante dell'architetto Giovanni Battista Ricci).

    "Torino", 1928; L. R., in AA.VV., Torino città viva […], p. 319.
    Tavola: 49

    • Bibliografia
    • Sitografia
    • Fototeca