Home \ Complesso di Santa Croce ex ospedale militare
Scheda: Luogo - Tipo: Edifici monumentali

Complesso di Santa Croce ex ospedale militare

L’ospedale militare Santa Croce discende la sua intitolazione dal convento di Santa Croce, sequestrato ai religiosi dal governo Cavour a metà Ottocento per farne appunto un ospedale. Ora sede: della parrocchia Ortodossa Romena dell’Esaltazione della Santa Croce, del Dipartimento di Biologia Animale e dell’Uomo dell’Università degli Studi, della Polizia di Stato. La chiesa di Santa Croce fu colpita dal bombardamento dell’8 agosto 1943.

 


VIA ACCADEMIA ALBERTINA 9

Costruzione: XVII Sec. (1600-1699)
alla fine del Seicento del complesso conventuale

Trasformazione: 1856 - 1858
di parte dell'ex convento in Ospedale Militare

Bombardamento: 08 Dicembre 1942

Bombardamento: 08 Agosto 1943

  • Indice
  • Categorie
  • bombardamento
  • convento
  • militare
  • ospedale
    • Tag
  • bombardamenti
  • giardini
  • 1. Storia dell'edificio

    Dagli anni Quaranta dell’Ottocento si cercano soluzioni alternative al vetusto ospedale nei pressi dell’Accademia Albertina. Già nel 1844 il re Carlo Alberto (1798-1849) bandisce un concorso per il progetto di un nuovo ospedale militare, che, però, non è realizzato; viene adeguato ed ampliato l’antico convento di Santa Croce. Il complesso religioso è voluto dal re Vittorio Amedeo II (1666-1723) per le Canonichesse Lateranensi a fine Seicento. La chiesa viene realizzata su disegni attribuibili all’architetto Filippo Juvarra (1678-1736) fra il 1718 ed il 1730, il campanile è progettato dall’architetto Giovanni Battista Borra (1713-1786) e la facciata viene ultimata solo a fine Ottocento.

    Il progetto di “conversione” dell’edificio religioso è opera dell’ingegnere Giovanni Castellazzi (1824-1876 generale del Genio Militare), autore anche del disegno della caserma Cernaia. «La trasformazione dell’ex convento in Ospedale Militare Divisionario di Torino incominciata nel 1856 si concluse già nel 1858 cosicché la struttura fu in grado di assolvere i fini sanitari disponendo di 400 posti letto per i militari e dodici per gli ufficiali. La previsione cavouriana (Camillo Benso conte di Cavour, 1810-1861) durò fino al 1914 quando, il rosso edificio di via Santa Croce, dopo oltre cinquant’anni di servizio, lasciava definitivamente il testimone alla nuovissima struttura realizzata in corso Vinzaglio 196, oggi corso IV Novembre (Cadeddu, pp. 111-112).

     

    2. Bombardamenti

    Durante il bombardamento notturno dell’8 agosto 1943 (durato dalle 0.55 alle 1.15) ad opera della RAF, la chiesa di Santa Croce fu colpita riportando lievi danni: si registra solo il sinistramento del cupolino centrale della chiesa.

    Note

    Da Politecnico di Torino Dipartimento Casa-Città, Beni culturali ambientali nel Comune di Torino, Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino, Torino 1984:
    COMPLESSO DI S. CROCE
    Via S. Croce, Via Accademia Albertina

    Complesso di chiesa e convento, trasformato ed ampliato ad ospedale militare, ora in trasformazione.
    Complesso conventuale di valore storico-artistico, caratterizzante il tessuto e l'ambiente della zona sudorientale della città seicentesca adibita a grandi complessi religiosi e assistenziali.
    Il convento di S. Croce venne eretto alla fine del Seicento per le Canonichesse Lateranensi. La chiesa venne progettata all'inizio del Settecento; il campanile fu' realizzato su progetto di G. B. Borra. Nell'Ottocento il complesso venne adibito ad Ospedale Militare (progetti di trasformazione del Genio Militare 1856-58) ed ampliato con il nuovo corpo su Via S. Massimo (1863).

    L. TAMBURINI, s.d., pp. 331-38; ISTITUTO DI ARCHITETTURA TECNICA, 1968, vol. I, p. 839: ASCT, Progetti Edilizi, ff. 79/1856; 9/1858; 71/1863.
    Tavola: 49

    • Bibliografia
    • Fonti Archivistiche
    • Centro Studi e Ricerche storiche sull’Architettura Militare del Piemonte (CeSRAMP), Archivio Cartografico, Car. 14, Cas. 1.14 «1865. Pianta della città di Torino alle seguenti tre epoche».
    • Archivio Storico della Città di Torino (ASCT), Archivio edilizio, pratica n. 79 (1856).
    • ASCT, Archivio edilizio, pratica n. 9 (1858).
    • ASCT Fondo danni di guerra, inv. 102, cart. 2, fasc. 31, n. ord. 1
    • Fototeca
    • Ente Responsabile
    • CeSRAMP - Centro Studi e Ricerche storiche sull’Architettura Militare in Piemonte
    • Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà